Sintesi diritti dei passeggeri - Reg. UE 181/2011



Il Regolamento UE n. 181/2011 del 16 febbraio 2011 stabilisce i diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus. Ai sensi dell’art. 25, paragrafo 1 e 2 del predetto regolamento, le informazioni sui diritti dei passeggeri sono pubblicate sul sito internet aziendale nonché mediante affissione presso le autostazioni del vettore.

Ai sensi del D. Lgs. 4 novembre 2014, n. 169 (recante Disciplina sanzionatoria delle violazioni delle disposizioni del Regolamento UE n. 181/2011), l’organismo nazionale responsabile dell’applicazione del suddetto Regolamento è l’Autorità di Regolazione dei Trasporti - Via Nizza 230, 10126 Torino (www.autorita-trasporti.it). 

 

Sintesi dei diritti dei passeggeri - Estratto della Carta della Mobilità.


Trasporto effettuato con autobus per servizi di distanza inferiore ai 250 km.

 

Scarica il documento in formato in PDF.

 

1) Diritto a condizioni di trasporto non discriminatorie

 

L’ammissione dei passeggeri alle vetture è indifferenziata, senza discriminazioni, dirette o indirette, sulla cittadinanza, per tariffe e contratto e purché il viaggiatore sia in possesso di regolare titolo di viaggio.

 

2) Diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta

 

Al fine di garantire il diritto alla mobilità senza discriminazioni, MOM S.p.A. si impegna: ad adeguare progressivamente la sua flotta mezzi al fine di migliorarne l’accessibilità e ad impartire adeguata e costante formazione al personale; a realizzare un sistema di prenotazione del servizio di trasporto dedicato a persone con disabilità motoria al fine di garantire l’assegnazione al viaggio richiesto di mezzi pubblici adeguatamente dotati o, in alternativa, di servizi convenzionati sostitutivi. I costi di tali servizi sono a carico di MOM S.p.A., mentre il Cliente è tenuto a munirsi di regolare titolo di viaggio. Il servizio è garantito compatibilmente con le esigenze di pianificazione e le risorse disponibili e va prenotato con un anticipo di 48 ore. Tutte le informazioni sull’accesso al servizio sono consultabili su: www.mobilitadimarca.it (Area Clienti).

MOM S.p.A. si impegna a garantire il diritto alla fruizione dei mezzi di trasporto pubblico in tutti i casi in cui la configurazione del veicolo e dello stallo di fermata rendano possibile, in condizioni di sicurezza, la salita, la discesa e il trasporto della persona con disabilità o a ridotta mobilità. In caso non siano garantite le predette condizioni, MOM non si assume la responsabilità di caricare il passeggero, tutelando così sia il passeggero diversamente abile che gli altri passeggeri trasportati. Essendo gli autobus omologati per un solo posto adibito al trasporto di carrozzine, il passeggero in carrozzina può accedere al servizio soltanto se la postazione riservata risulta non occupata da altro disabile; in tale evenienza sarà necessario attendere alla fermata una nuova vettura.

La dotazione di bordo è omologata secondo la direttiva 2001/85 CE. Per usufruire del servizio il cliente deve utilizzare una carrozzina identificata da tale normativa e portare con sé il libretto della carrozzina che riporta l’omologazione. E’ comunque vietato il trasporto di scooter o carrozzine motorizzate.

Nel caso in cui il passeggero che vuole salire sul mezzo faccia uso di stampelle o deambulatore, lo stesso dovrà viaggiare seduto e le attrezzature dovranno essere posizionate in modo tale da non arrecare danno agli altri passeggeri ed al mezzo. In particolare il deambulatore dovrà essere posizionato nella postazione prevista per le carrozzine e dovrà essere attivato l’apposito sistema frenante.

La salita dovrà avvenire preferibilmente dalla porta centrale.
E’ previsto il risarcimento finanziario alle persone con disabilità e a mobilità ridotta, per perdita o danneggiamento dei dispositivi che ne agevolano la mobilità, in caso di incidente.

Disabilità visiva

Ipovedenti e non vedenti sono esentati dalla richiesta della fermata facoltativa. In caso di ipovedenti e non vedenti muniti di bastone identificativo presenti alla fermata, il personale di guida avrà cura di arrestarsi fornendo indicazioni sulla corsa in transito. Il Cliente potrà richiedere di salire e scendere dalla porta del mezzo che riterrà più agevole e sicura e il conducente avrà cura di fornire a voce le indicazioni necessarie a favorire la sua salita e discesa.

Regole per il Cliente con la carrozzina e compiti del personale di guida:

Alla salita
l Cliente deve far capire con un cenno al conducente del bus in arrivo l’intenzione di salire a bordo. Nel caso in cui la fermata sia ostruita (o non adatta all’uso della pedana) il conducente sarà impossibilitato a far salire a bordo la persona con disabilità. Una volta che il conducente, valutata la sicurezza della fermata, avrà attivato la pedana, il Cliente dovrà salire autonomamente o con l’aiuto di un accompagnatore.

Il conducente darà tutte le informazioni utili per allacciare correttamente le cinture o prenotare la fermata ma non avrà il compito di assistere il cliente nelle fasi di salita e di discesa dal bus. Pertanto ove il disabile non sia autonomo dovrà essere assistito obbligatoriamente da accompagnatore.

A bordo
Prendere posizione nella zona riservata, allacciare obbligatoriamente le cinture, frenare sempre la sedia a rotelle contromarcia, premere (dove presente) il pulsante che avviserà il conducente che si può partire.
Alla discesa
Premere per tempo il pulsante di richiesta di fermata.
Attendere che il conducente, valutata la condizione di sicurezza della fermata, attivi la pedana e autorizzi la discesa, prima di slacciare la cintura di sicurezza e liberare dal freno la sedia a rotelle. Nel caso in cui la fermata sia ostruita (o non idonea all’uso della pedana), il conducent potrà proporre la discesa alla fermata idonea più vicina.

 

3) Diritto all’informazione

 

Il passeggero è tenuto a leggere attentamente gli avvisi esposti alle principali fermate e autostazioni, all’interno degli autobus, nelle biglietterie e rivendite MOM. L’azienda mette inoltre a disposizione della clientela una rete di canali informativi: Call center telefonico e canali di comunicazione on line (sito internet www.mobilitadimarca.it, social network e apposita sezione dell’App MOMUP). Gli orari esposti al pubblico e quelli indicati nei canali di comunicazione MOM possono essere variati temporaneamente senza alcun preavviso qualora subentrino cause di forza maggiore; possono essere variati in via definitiva, con preavviso, per cause indipendenti dalla volontà MOM o al fine di migliorare l’efficienza del servizio.

La Clientela sarà informata nei termini di legge di eventuali interruzioni del servizio in caso di sciopero legittimamente proclamato. Gli orari di transito alle fermate e di arrivo al capolinea sono comunque indicativi in quanto condizionati da cause e fattori indipendenti dalla volontà MOM. L’Azienda risponde unicamente delle coincidenze garantite inserite nelle tabelle orarie.

Il Servizio Clienti è disponibile a fornire qualsiasi informazione inerenteil sistema di trasporto pubblico realizzato da Mobilità di Marca. E’ possibile contattare il servizio clienti MOM: al numero 840 011222 per informazioni su linee e orari, segnalazioni e reclami. Servizio attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7:00 alle ore 20:00, il sabato dalle ore 7:00 alle 15:00. Il servizio non è attivo la domenica e nei festivi infrasettimanali. Oppure utilizzando il sito: www.mobilitadimarca.it.

 

4) Reclami

 

Nel caso in cui la Clientela intenda presentare suggerimenti, segnalazioni e reclami MOM mette a disposizione i seguenti canali: appositi form on line con invio automatico sul sito internet www.mobilitadimarca.it; servizio clienti telefonico 840.011222; email: segnalazioni@mobilitadimarca.it

Qualsiasi sia il canale di invio di segnalazioni, suggerimenti, reclami essi devono contenere: nome, cognome, dati di contatto (indirizzo di posta ordinaria, posta email e/o numero telefonico del cliente).
Al fine di poter avviare apposita istruttoria interna e provvedere alla risposta, segnalazioni/reclami devono contenere tutti gli elementi essenziali utili (giorno, ora dell’accaduto, luogo/fermata, numero della linea e direzione). Non sarà dato corso ai reclami incompleti, presentati oltre il termine di 30 giorni

dall’accaduto o trasmessi con modalità non previste dall’azienda. L’azienda si impegna a rispondere sempre entro 30 giorni a segnalazioni/reclami. In caso di segnalazioni/reclami relativi a sanzioni, l’eventuale comunicazione non ha comunque valore ai fini dell’interruzione dei termini di legge per la relativa sanzione.